Si chiama Ambra e vive in Masseria Altipareti a Palmariggi. Che cosa ha di particolare quest’ulivo secolare? E’ stato adottato dalla prefetta di Lecce Giuliana Perrotta, che ha aderito al progetto “Sostieni un olivo secolare” promosso dall’associazione “Amici dell’olivo secolare del Salento”.
Il progetto è finalizzato a sostenere e diffondere la cultura agroalimentare, ed olivicola in particolare, come fattore culturale di crescita del territorio. Il principale obiettivo è la valorizzazione dell’olio di oliva extra vergine ottenuto da olivi secolari.

Sabato 20 ottobre l’associazione ha organizzato la raccolta delle olive di Ambra, alla presenza della propria tutor.
In tale circostanza il presidente dell’associazione Raffaele Cazzetta, accoglie presso il Parco degli Ulivi Secolari di Masseria Altipareti la prefetta di Lecce, i sindaci dei Comuni del circondario, i rappresentanti di associazioni, Enti e chiunque voglia presenziare all’evento.

Dopo i saluti e i ringraziamenti di rito, completata la raccolta delle olive, tutti i partecipanti sono stati invitati a raggiungere la sede del vicino “frantoio Cazzetta” convenzionato con l’associazione.
In quella sede la prefetta ha incontrato gli studenti dell’istituto agrario “Lanoce” di Maglie, del liceo scientifico “Leonardo da Vinci” di Maglie, dell’istituto alberghiero di Santa Cesarea Terme e delle scuole primarie e secondarie di Palmariggi ai quali l’agronomo Giuseppe Mauro Ferro, accademico dei Georgofili, ha illustrato il procedimento della lavorazione delle olive sino al confezionamento dell’olio extra vergine di oliva.
L’evento si è concluso con la degustazione di olio novello organizzata dagli studenti dell’istituto alberghiero di Santa Cesarea Terme.

Musiche e canti popolari di Enza Pagliara, Antongiulio Galeandro, Sidonio Margiotta e Cristina Mastria.

%%wppa%% %%slide=11%% %%align=center%%

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *