Giovedì 11 luglio, negli spazi Nextab, a Lecce, in via E. Ferrari, contrada Pisello, si è tenuto il vernissage di A/MARE: protagoniste sono state le opere di Valentina D’Andrea; curatori della mostra, che si concluderà il 21 settembre, sono Anna Cirignola e Ed Testa. La serata si è sviluppata in diversi momenti che hanno contribuito a rendere ancor più magica e coinvolgente l’atmosfera: c’è stata la performance musicale del compositore, regista e artista visivo Roberto Paci Dalò a cui son seguiti i contributi sonori di alcuni musicisti; ad allietare l’evento, anche il piacere della convivialità. A/MARE è il primo appuntamento della terza edizione di Km/0. Segni d’arte a Sud, iniziativa che si propone di mettere in luce la vivacità propulsiva e la complessità del Salento.

Nextab Laboratorio d’Arte e Architettura, con sede in un ex tabacchificio nel cuore della campagna, è location ideale per ospitare la personale di Valentina D’Andrea, un’occasione attesa, nella quale si svelano, in modo inequivocabile, gli elementi identificativi del suo essere artista.

La D’Andrea ha sempre messo la propria creatività, dalla cifra stilistica ben riconoscibile, al servizio di oggetti del quotidiano, rigenerandoli con la sua sensibilità e la sua mano gentile: le collezioni e i progetti, con le quali sino ad oggi si è fatta conoscere, sono rappresentazione di un artigianato poetico, dove l’elemento funzionale resta centrale.

Con questa mostra, Valentina d’Andrea si lascia libera di essere solo artista: un dono per se stessa e per gli altri, che possono così scoprire una personalità originale che, attraverso l’apparente semplicità delle sue opere, fa trasparire una lettura della realtà e dei sentimenti unica e profonda.

Nella sua personale, la D’Andrea sviluppa due soggetti principali, il mare e il femminile, che si dilatano negli spazi di Nextab, in quella prospettiva scenografica, tanto familiare all’artista. L’elemento acqua, reso materico sfruttando la diversa resa data dalle superfici, dove si posano le dense pennellate di colore, è protagonista di opere sospese, che catturano l’intensità e la magia del mare, nel suo essere cangiante in rapporto alla luce. Un mare “aereo”, nel quale immergersi idealmente, sentendone i suoni e scoprendo quegli oggetti che sono frammenti della storia creativa di Valentina.

L’elemento femminile è raccontato attraverso ritratti di donne che acconsentono distrattamente a lasciarsi indagare da chi guarda, che donano una parte della propria intimità; sono figure che inseguono i propri pensieri, sussurrando messaggi, a occhi chiusi o persi lontano. Tra queste, c’è anche Frida Kahlo, emblema di una femminilità indipendente, coraggiosa, sensibile e anticonformista: un modello di riferimento per l’artista salentina e per tutte le donne. Luogo scelto per ospitare questa collezione di volti è la sala più raccolta di Nextab, al piano terra: una sorta di ventre materno, dove il femminile è enfatizzato dalla presenza del focolare e dalla tavola imbandita. Semi e latte saranno ingredienti-simbolo delle pietanze offerte durante la serata.

Novità presentata nella mostra sono le luminarie: non le mille lampadine della tradizione, ma la plastica restituita dolorosamente dal mare alla terra, recuperata e “accesa”, per narrare altre storie, storie di speranza, di bellezza, di memorie.

Nei due mesi di mostra, saranno organizzati tre laboratori condotti dalla stessa Valentina D’Andrea, nell’ambito dei quali i partecipanti avranno modo di entrare in contatto con il mondo creativo dell’artista, sperimentando concretamente le sue tecniche espressive e la sua interpretazione della realtà.

Patrocinio della Città di Lecce. Sostengono l’evento: Accademia del Rinascimento Mediterraneo; InOnda; Hotel San Giuseppe-Otranto; Ristorante da Gustavo-Galatone; Hotel Lo Scoglio-Porto Cesareo; Ristorante Alogne-Cursi

[slideshow id=51]

VALENTINA D’ANDREA
Valentina d’Andrea, scenografa ed illustratrice, inventa nel 1999 “Officina di Fantadesign”, uno spazio che si occupa di moda, arte e design, mettendo a dialogare più materiali all’interno della stessa funzione. Le collezioni Fantadesign sono costituite da prodotti realizzati esclusivamente a mano: pezzi unici preziosi capaci di esprimere creatività e ricerca. Produce una serie di accessori per una quotidianità poetica.
A Milano ha prodotto per FIORUCCI megastore una serie di accessori metropolitani, dal 1997 produce per High-tech megastore una linea di accessori moda design. Nei 1999 collabora con l’azienda “Disegni” per lo styling di mobili e culle in cartone americano. Nel 2004 collabora con l’azienda Prochownick, per la linea donna di Isaseta, come stilista e creativa. Dal 2005 al 2009 collabora, come textile designer per l’azienda “Ap+plus”. I fantaoggetti sono attualmente presenti nei seguenti negozi: “Fashion art design galerie” Monaco di Baviera, “Bon Marchè” Parigi, “Mono Edition” Tokio, “Susanna Jabzi” Beirut, “And A” design art-fashion, Tokio, “Arsenes et le pipellettes”, Parigi. Inoltre i suoi oggetti sono in vendita nei book-shop dei più importanti musei: Palazzo delle esposizioni, Galleria Borghese, Arapacis, Macro-Roma; Acquario di Genova, Acquario di Livorno, Museo della Triennale-Milano. Nel 2008, in occasione della visita pastorale di Papa Benedetto XVI a Santa Maria di Leuca, la Provincia di Lecce le ha commissionato un’opera tessile come dono, al Santo Padre.
“Un oggetto diventa importante quando è il supporto di un sogno, gli oggetti di Fantadesign sono esercizi dei sensi ed hanno la forza di un onda che porta il peso del sale. L’oggetto, insomma, và prima pensato, poi progettato ed infine sognato: è nel sogno che l’oggetto compie la sua sperimentazione, si carica di verità e funzione. L’oggetto venuto dal sogno ha compiuto il “collaudo sensoriale”.

PUBBLICAZIONI
1992 “IO SONO TE” Valentina D’Andrea – Collana Segni & Narrazioni Moscara Associati.
1993 “IO SONO TE” SITUAZIONE IMMAGINARIA è stato scelto come LOGO dal ROTARY INTERNATIONAL
1996 PRANZI E CENE DAL ‘600. Edizioni Argo
Negli anni 1991/92/93 ha prestato la sua collaborazione in qualità di
esperta in COMUNICAZIONI VISIVE e LABORATORI CREATIVI nei CORSI DI AGGIORNAMENTO come assistente del prof. Franco Del Vecchio.
COLLABORAZIONI TELEVISIVE / TEATRALI / DOCUMENTARI dal 1990 al 1996 per Cinevideo Roma
Dal 1994 al 2004 Collaborazione con la casa editrice ARGO per la veste grafica della collane editoriali.
Dal 1995 a tutt’oggi diventa responsabile della progettazione e dell’allestimento per gli stands nelle fiere nel mondo per AfidampFAB Milano

COMMITTENTI E COLLABORAZIONI:
Fondazione Memmo; Università di Lecce, Facoltà di Archeologia; Museo Provinciale “Sigismondo Castromediano”; Studio Semerano Architettura, Padova; Garini Della Sforzesca Special Events, Milano; Penelopi 3 Collezioni; High-Tech Collezioni; Skipintro Collezioni; La Compagnia Del Cotone Collezioni; Fiorucci Collezioni; Cargo Milano; Acquario di Genova; Macro e Ara pacis Roma; Galleria Borghese; Palazzo Delle Esposizioni; Aiap Shop

INIZIATIVE CREATIVE:
Nel 2007-2008 inventa una modalità per promuovere l’artigianato pugliese, “Tendy” la boutique nomade;
Nel 2009 inventa “Tourneè” l’artigianato gustoso, appuntamenti con il territorio;
Nel 2009 progetta dei format creativi per la promozione e la diffusione della cultura del riciclo nell’artigianato con l’iniziativa “Cappotto d’artista”;
Nel 2010 crea “Sm-art Lab” il laboratorio nomade e “Sm-art made in puglia” con appuntamenti dentro e fuori il nostro territorio per una creatività itinerante;
Nel 2011 inventa “Creativity market” con le vibrazioni di un mercato vero per promuovere la creatività Made in Puglia;
Nel 2012 inventa per l’associazione “Sm-artlab” il brand “Ricettedà”, accessori e monili per un quotidiano poetico;
Nel 2012 crea il concept e l’allestimento per la mostra “Il mondo della puglia creativa” presso il Parlamento di Bruxelles

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *